VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE ❣️❣️❣️

Carla scrive:
sono nata a Sesto San Giovanni, al Mangiagalli, il
24 /10/1963.
Cerco mio padre biologico,
si chiama Giuseppe Brivio di Sesto San Giovanni, faceva il meccanico.
Mia madre mi ha partorito di 7 mesi a Milano in una casa famiglia “Nido dei Pargoli” e sono stata battezzato dalla Direttrice Cavallaro.
I genitori di mia madre non volevano che mia madre stesse con mio padre biologico, lui è venuto a vedermi, quando sono nata, ma il padre di mia madre lo cacciò in malo modo, secondo mio nonno mia madre meritava di meglio.
Successivamente mia madre si è sposata con un altro uomo ed io fino all’età di 50 anni, pensavo che fosse il mio vero padre e poi ho scoperto la verità!
Vi chiedo di condividere il più possibile il mio appello affinché possa trovare mio padre.
Grazie


VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE ❣️❣️❣️

Vera scrive,
sono nata a Cosenza il 10/05/1947 in Viale Trieste n. 60 da una donna che non consente di essere nominata, mi hanno dato il nome Vera Gerardini Macrì, trasferita dopo la nascita al Brefotrofio di Cosenza.
Vi prego Aiutatemi!!!
Vi chiedo di condividere il più possibile il mio appello affinché possa trovare la mia famiglia biologica.
Grazie


VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE ❣️❣️❣️

Colomba scrive,
Vorrei tantissimo conoscere i genitori biologici del mio papà che era nato a Napoli il 2 ottobre del 1935 alle 00.30, ospedale dell’ Annunziata mio padre si chiamava Mario e fu adottato nel 1941, mio padre è nato da una donna chiamata Colomba che non ho mai conosciuto e ne sarei veramente felice!!!
Vi chiedo di condividere il più possibile il mio appello affinché possa trovare la famiglia biologica di mio padre.
Grazie

VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE ❣️❣️❣️

Ilaria scrive,
Sono nata a Como il 14 Gennaio del 1988, adottata subito dopo la mia nascita.
Sono alla ricerca dei miei genitori biologici, anche perché ho scoperto di essere affetta da una Malattia Rara: angioedema ereditario!!!
Aiutatemi a condividere il mio appello affinché possa trovare la mia famiglia biologica.
Grazie


VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE ❣️❣️❣️

Gabriella scrive,
sono nata a Mentoni alla maternità di Bologna alle 19:58 del 14 luglio 1959 l’ostetrica si chiamava Gherardini Armida e subito dopo la mia nascita sono stata abbandonata.
Sono stata data in adozione a Merano Bolzano ai coniugi Masin.
Qualcuno si ricorda di me? Vorrei sapere perché mia mamma ha dovuto lasciarmi?! Ho sorelle fratelli?!
Non voglio sconvolgere nessuno solo abbracciarli.
Ringraziare mia madre del suo sacrificio.
Vi chiedo di condividere il più possibile il mio appello affinché possa trovare la mia famiglia biologica.
Grazie

 


VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE AIUTIAMOLO A TROVARE LA MAMMA❣️❣️❣️

Julien Chaumet
14 giugno 2016 · Tolosa, Francia

Ieri ho saltato.

Sono 26 anni che sono sull’orlo della scogliera, per fissare il vuoto e rimanere lì, paralizzato … Paralizzato dalla paura del vuoto, dal timore che il fondo del precipizio sia in realtà troppo lontano, che il salto o troppo grande o peggio del fondo è troppo vicino e in questo caso l’autunno fa male.

Ma ieri ho saltato.

Ero al limite, più di quanto non lo fossi mai stato … Così ho avanzato un po ‘, ancora un po’, trascinando i piedi come un condannato. Un piede davanti all’altro, uno dopo l’altro, come diceva l’altro. Ho avanzato fino a quando non è troppo tardi, troppo tardi per ritirarmi. Ho fissato il vuoto negli occhi e gli ho detto che non era più spaventoso. Che d’ora in poi ero invincibile. Mi sono comunque convinto …

Ieri ho saltato.

Ieri era un giorno come un altro, era grigio e il sole usciva solo per mostrare un breve momento. L’ora stava arrivando ma non lo sapevo ancora. Erano le 14:35 per essere precisi ed eravamo lunedì 13 giugno 2016. Un giorno come gli altri. Tranne quel giorno, in quel momento ho deciso di scuotermi la vita come non avevo mai fatto prima. Lo rimpiangerò? La caduta mi ucciderà? Il mio paracadute è abbastanza forte? E niente a che fare con niente. Una voce mi ha colpito forte in testa: “salta, non ci importa del resto … non può essere peggio comunque”.

Ieri ho saltato.

Ho preso il mio telefono e il mio coraggio e ho chiamato. Una chiamata che avrebbe cambiato la mia vita, letteralmente la sconvolse. Almeno inizialmente. Ho avuto il suo numero per circa dieci anni nel mio repertorio e i miei genitori mi hanno parlato costantemente sin dalla mia nascita questa donna, questa cugina che era nata anche sotto X. “Si milita!” Mi hanno detto. “Ha aiutato molti bambini abbandonati a trovare i suoi genitori e molti genitori per trovare i bambini che hanno abbandonato, chiamandola il giorno in cui sei pronto” …

E poi ieri sono saltato.

Ho 26 anni che ho davanti questo baratro ma che il mio unico sogno e il mio unico obiettivo nella vita è affrontarlo per raggiungere l’altro lato. Non so che sembra dolce dall’altra parte. Più dolce di questo mondo, che crolla e si sgretola costantemente sotto i miei piedi. Un abisso di domande, incomprensioni, odio, rabbia, paura … E se l’altra parte fosse gioia, felicità, serenità, amore, costruzione piuttosto che distruzione.

Ieri sono saltato nel vuoto.

Ventisei anni fa, il 30 gennaio 1990, verso le 23:40, partoristi a Bordeaux, in Francia, all’ospedale Pellegrin. Nel mio file è scritto che misuravi circa 1m57, che eri algerina (probabilmente Kabyle) con tratti Maghrebini molto pronunciati che vedi quasi negroide. Avevi circa 19 anni e apparentemente non è passato molto tempo da quando sei arrivato in Francia, ma non è sicuro. Eri lì 7 ° di un fratello (che è minimo di 7 tonnellate o più pala di tate e cugini 😍). Mio padre, come lo descrivi, aveva circa 21 anni, era guardiano notturno nei supermercati in quel momento ed era brasiliano. Non so di più su di te . Questo è tutto ciò che ho. Radici ancorate su un pezzo di carta che il consiglio generale mi ha dato quando avevo 16 o 17 anni …

Oggi ti sto cercando attivamente, o almeno tu (mamma …) – (questa parola mamma è strana per me, non disturbante ma strana perché sì sei tu che mi hai dato la vita e tu sei l’inizio, il pezzo mancante del puzzle …). Non ti sto cercando di scoppiare nella tua vita e recuperare il tempo perduto, sto cercando te per mettere finalmente una faccia su questo enorme punto interrogativo. Ti sto cercando con un cuore leggero pieno di tenerezza nei tuoi confronti. Non ti conosco eppure mi manchi terribilmente. È un’enorme spina piantata nel cuore che solo tu hai il potere di ritirare.

Quindi ieri ho saltato.

Mamma, i miei genitori mi amano con amore incondizionato! Vedresti come mi hanno cresciuto sarai orgoglioso. Fiero che il destino li ha scelti. Sono adorabili! Davvero … Ci sono voluti tanti anni per completare questo puzzle che io sono. Mettono tutto il loro amore, tutte le loro forze. Ma solo qui, oggi manca una stanza, una stanza chiave. Un pezzo che potrebbe cambiare tutto per sempre. Tu sei questo pezzo. Questa chiave Apri la porta solo una volta … sono passati 26 anni che muoio dalla voglia di vedere cosa c’è dietro. Nessuno ma puoi aprire quella porta. Mi hai portato per 9 mesi. Hai impregnato una parte di me. Mi hai dato i regali più belli. Vita. Voglio solo vederti di fronte a me, quindi posso ringraziarti.

Quindi a chiunque legga questo status, famiglia, amici, nemici, amici di amici, nemici di nemici, a voi all’estero, a quelli di tutto il mondo, a tutti voi … nessuno al mondo è saltato ieri nel vuoto, senza un paracadute in verità, e tu hai l’opportunità di non aiutare ma almeno di non ignorarlo. Ieri come oggi, molte persone salteranno nel vuoto a loro volta … migranti in fuga dalla guerra e dal caos che lasceranno le loro terre, la loro casa, la loro famiglia, i loro amici, le loro vite gettandosi in mare a rischio della vita. Senza saper nuotare anche a volte. Senza giubbotto di salvataggio. Tutto questo per unirsi all’altro lato. Invidiamo il loro coraggio e determinazione. Anche loro sono esattamente come te, hanno paura. Trovare qualcuno a volte è spesso il risultato di ricerche infinite, lunghe e dolorose. Ancora peggio, a volte lo facciamo per niente. Nessuna luce alla fine del tunnel, nessun fondo nella voragine in cui siamo saltati. E a volte una singola cricca (al momento dei social network e altri), un solo clic può cambiare tutto. Questo è il pulsante di condivisione. Questa famosa condivisione è spezzata nelle nostre vite, nel nostro mondo. E chi potrebbe cambiare tutto. Davvero tutto! Se tutti condividono questo stato, c’è una possibilità. Una piccola possibilità forse, ma comunque una possibilità. Una possibilità che qualcuno da qualche parte nel mondo cadrà in questo stato, riconoscerà questa storia e alla fine si manifesterà. Guarda i tuoi “suggerimenti di amici” su Facebook, è incredibile! Ci sono persone alle quali non hai mai parlato, non una volta, nessun amico in comune, niente in comune ma tu conosci questa persona e la trovi lì, per la più grande possibilità grazie a questo pazzo invenzione che sono i social network. Un database gigantesco … un luogo in cui siamo in grado di “piacere” quasi 1 milione di volte l’immagine di una bambina che ha perso il suo cane e vuole trovarlo o essere in grado di concedere a Master Gim è più di 243 milioni di “mi piace” e “condividi” … Ti rendi conto del potere della cosa ?? Quindi rendiamo Facebook utile per un momento, per favore … E se non lo fai per me, fallo da solo. È bello sentirsi utile! E poi quello che semini oggi, raccoglierai domani. Basta cliccare su “condividi” … Non ignorare. Grazie già per esserti preso la briga di leggere questo stato fino alla fine e grazie se lo condividi.

Guadagnano milioni di euro gli artisti grazie a internet (numero di visualizzazioni, ecc …), a me fate solo vincere una famiglia. Per piacere.
Grazie
Julien Chaumet.


VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE AFFINCHÉ MIA MADRE POSSA RICONOSCERMI E CONTATTARMI❣️❣️❣️

………scrive,
sono nato a Napoli il 26 Gennaio del 1986, successivamente alla mia nascita “diciamo” che sono stato abbandonato e non voglio aggiungere altro…
Mio padre non rientrava nell’età per potermi adottare, mia madre si !!!
Mio padre aveva un punto a suo favore era un allevatore agricolo di famiglia benestante e non voglio aggiungere altro…
Ho saputo che io sono figlio di una relazione extraconiugale, forse per questo motivo mia madre biologica fece di “tutto” per potermi “dare” ai miei genitori adottivi…
L’unico modo che ho per ritrovare la mia madre biologica è solo attraverso questa Pagina!!!
Il mio unico scopo è trovare mia madre biologica oppure qualche parente per sapere CHE TIPO DI PATOLOGIA EREDITARIA HO ACQUISITO!!!
Mi spiego meglio:
io dalla nascita soffro di una rara patologia a gli occhi e non si sa cosa sia, qualche medico ha ipotizzato un “nistagmo” a gli occhi, provocandomi una visione ridotta o limitata.
Quasi 3 anni fa sono diventato padre e dopo qualche mese abbiamo scoperto che mia figlia soffriva della mia stessa patologia.

VI CHIEDO DI CONDIVIDERE IL PIÙ POSSIBILE IL MIO APPELLO AFFINCHÉ POSSA TROVARE LA MIA FAMIGLIA BIOLOGICA SOPRATTUTTO PER MIA FIGLIA, PER SAPERE REALMENTE CHE TIPO DI PATOLOGIA EREDITARIA IO E MIA FIGLIA ABBIAMO ACQUISITO !!!

PER FAVORE AIUTATEMI!!!


VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE ❣️❣️❣️

Adele scrive,
sono nata il 05/08/1961 all’ospedale Civico di Palermo.
Successivamente sono stata portata nel brefotrofio “Aiuto Materno” e dopo 7 mesi sono stata adottata da una famiglia di Alcamo.
Vi chiedo di condividere il più possibile il mio appello affinché possa trovare la mia famiglia biologica.
Grazie


VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE IN RUSSIA❣️❣️❣️

Здравствуйте, меня зовут Яковенко Анна Николаевна.
Я родилась 3 августа 1996 в Перми. 25 ноября 1996 меня отвезли в детский дом в Березники. Я был принят 28 сентября 1998 пожалуйста, помогите мне в поисках моей семьи, я полон любопытства: Моя биологическая мать Яковенко Ольга Николаевна и мой биологический отец Яковенко Николай Иванович.


VI CHIEDO MASSIMA CONDIVISIONE SU PAPANICE FRAZIONE DI CROTONE ❣️❣️❣️

Paola scrive,
vi scrivo da parte di mia mamma Anna, sta cercando la sorella Rosaria (non sappiamo se il nome è stato cambiato), nata nel 1946 a San Sostene provincia di Catanzaro in Calabria.
Sappiamo con certezza che successivamente alla sua adozione si è trasferita a Papanice Crotone con decorrenza data : 04 / 06/ 1952.
Vi chiedo di condividere il più possibile il mio appello affinché possa trovare la sorella di mia madre.

Grazie